ViaggiaResponsabile

Una giornata per l’Antartide

amundsen

Il 1 dicembre, si festeggia in tutto il mondo la giornata dell’Antartide per celebrare il Trattato Antartico, firmato 52 anni fa, ma entrato in vigore solo nel 1961. Il documento è stato sottoscritto da dodici nazioni (oggi aderiscono 45 paesi) con il chiaro intento di stabilire accordi per l’utilizzo pacifico delle risorse del continente antartico e per la preservazione del suo ecosistema. A mezzo secolo dall’evento, tante le manifestazioni in tutto il mondo, dal lancio delle mongolfiera della Pace a mostre e concerti.

Ma quest’anno si celebrano anche i 100 anni dalla memorabile sfida compiuta dai due esploratori Roald Amundsen, per la Norvegia e Robert Falcon Scott, per la Gran Bretagna, in gara nel 1911 per raggiungere, dai margini della barriera di Ross, il Polo Sud. A questo evento è dedicata la mostra “Race, alla conquista del Polo Sud“, in corso al Palazzo Ducale di Genova. Ricostruzioni tridimesionali, oggetti storici, fotografie e riproduzioni raccontano da vicino tutta la sfida, mentre sul numero di dicembre di “Le Scienze”, in edicola dal 3 dicembre, un articolo (qui potete scaricare gratuitamente il pdf) racconta la tragica corsa verso la conquista dell’Antartide da parte di Robert Scott e illustra il bilancio scientifico della sua spedizione.Per ricordare il viaggio polare, infine, e per descrivere la quotidianità del continente più remoto del mondo, dal 9 al 19 dicembre un inviato de “Le Scienze” e “National Geographic”, Jacopo Pasotti, sarà ospite del Programma Nazionale di Ricerche in Antartide presso la Stazione “Mario Zucchelli” e la base italo-francese Concordia. Da lì documenterà con foto, video e testi come si vive e come si fa ricerca nella terra dei ghiacci.
Visita la pagina delle proposte di viaggi ai Poli che Planet Viaggi Responsabili fa in collaborazione con l’associazione Viaggi Polari 

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *