ViaggiaResponsabile

Amazzonia peruviana , a rischio la biodiversità

Mappa di rischio per l’Amazzonia occidentale

Le attività di ricerca e produzione di petrolio e gas minacciano la biodiversità e le popolazioni indigene dell’Amazzonia occidentale.

 Overlap of oil and gas blocks with biodiversity and protected areas. Le attività di ricerca e produzione di petrolio e gas minacciano l’Amazzonia occidentale, una delle più grandi riserve di biodiversità del pianeta, terra abitata da molte specie di piante, insetti, anfibi, uccelli, e mammiferi e da gruppi indigeni che vivono in isolamento volontario. Da un punto di vista biologico, questa regione è la parte più ricca del bacino dell’Amazon; comprende parte della Bolivia, Colombia, Ecuador, Peru, e del Brasile occidentale e, a differenza dell’Amazzonia brasiliana dell’est su cui è focalizzata l’attenzione mondiale, è un ecosistema ancora in gran parte intatto. Ma queste terre sono anche grandi riserve di petrolio e gas, per la maggior parte non ancora estratte e i prezzi record del petrolio e la crescente domanda globale di combustibili stanno portando allo sviluppo di attività di ricerca e produzione di petrolio e gas senza precedenti. È quanto afferma uno studio pubblicato recentemente dalla rivista scientifica PLoS ONE. 

Con la collaborazione di Save America’s Forests, una campagna per proteggere e conservare le foreste naturali nel continente, e di Land is life, un’organizzazione che difende i diritti delle popolazioni indigene, i ricercatori della Duke Univesity del North Carolina (USA) hanno utilizzato dei dati provenienti da fonti governative per realizzare una mappa delle zone di estrazione di petrolio e gas.
I governi nazionali hanno delimitato le aree geografiche specifiche, dette anche “blocchi” di attività di ricerca, sviluppo e produzione di idrocarburi, zone di interesse per le compagnie multinazionali dell’energia. Si tratta di circa 180 blocchi di petrolio e gas che coprono una superficie di 688 mila chilometri quadrati dell’Amazzonia occidentale. Una superficie che si sovrappone con la parte più ricca di specie dell’Amazzonia e con molti territori abitati dagli indigeni. In Ecuador e in Perù i blocchi di petrolio e i gas coprono più di due terzi dell’Amazon, e in Bolivia e nel Brasile occidentale, la maggior parte delle attività di estrazione si stanno sviluppando velocemente.

In questi territori l’impatto ambientale e sociale delle attività di ricerca e produzione di petrolio e gas può essere devastante. Il rischio è legato alla deforestazione, alla contaminazione per costruzione di strade, di piattaforme di traforo e gasdotti, e per le perdite di petrolio o di discariche di acqua di scarto. Secondo gli scienziati, anche gli impatti sociali sono considerevoli. Le organizzazioni rappresentative delle popolazioni indigene in Ecuador e in Perù si stanno opponendo ai nuovi progetti e produzione petrolifera, e hanno intrapreso delle azioni legali contro le compagnie petrolifere americane denunciando la discarica di miliardi di litri di rifiuti tossici nella foresta. Inoltre, aggiungono gli scienziati, le popolazione di indigeni che hanno deciso di vivere evitando contatti con il resto del mondo hanno una bassa resistenza e difesa immunitari alle malattie di cui le persone provenienti dall’esterno possono essere portatrici.

Planet Viaggi Responsabili

Senza un intervento politico, la portata e l’intensità crescente di estrazioni pianificate significa che l’impatto ambientale e sociale probabilmente saranno destinati a intensificarsi. I ricercatori sottolineano il ruolo di primo piano che la comunità internazionale potrebbe assumere per la tutela di questa terra e per il rispetto dei diritti della popolazioni indigene; mettono inoltre in evidenza la necessità di elaborazione di studi di impatto ambientali e sociali, e la realizzazione di progetti che riducano l’impatto ambientale e che coinvolgano le popolazioni indigene nei processi  decisionali che interessano le loro terre.

Vedi il nostro viaggio nell’Alta Amazzonia Peruviana  bottone scarica

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *