ViaggiaResponsabile

LA NATIONAL GEOGRAPHIC SOCIETY FINANZIA LE RICERCHE A GROTTA DI FUMANE – Verona

Le guide di Evolutamente con le quali collaboriamo per gli itinerari di archeologia e paleontologia sul territorio veronese ( itinerari di Rotte Locali) ci scrivono : siamo lieti di inoltrarvi la comunicazione ufficiale della decisione della National Geographic Society di sostenere e finanziare le ricerche a Grotta di Fumane, unico progetto italiano inserito dalla Society tra le nuove attività.

finanziamneto della ricerca dal National Geografic Society

Grotta di Fumane - Verona

La decisione è naturalmente motivo d’orgoglio per la ricerca svolta dall’Università di Ferrara e per noi un incentivo ulteriore allo studio, all’aggiornamento e all’ideazione di nuove belle proposte.

Auguriamo alla nostra Grotta che questa grande opportunità internazionale possa stimolare una sinergia positiva tra le realtà del nostro territorio e l’ideazione di nuovi progetti coerenti con l’importanza del sito archeologico.
A presto,
le Guide di EvolutaMente

 

 

Per la prima volta in Italia, il Committee for Research and Exploration della National Geographic Society finanzia un progetto di ricerca sul Paleolitico, per di più diretto da un team italiano! Il successo di tale operazione è dovuto alla professionalità della Sezione di Paleobiologia, Preistoria e Antropologia del Dipartimento di Biologia ed Evoluzione dell’Università di Ferrara, che da oltre vent’anni dirige sotto il corrdinamento del ricercatore Marco Peresani, il Laboratorio di Ricerca di Grotta di Fumane, con concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Questo sito conserva un’eccesionale documentazione sull’ambiente e il modo di vita dell’Uomo di Neandertal e dei primi sapiens che occuparono l’Europa mediterranea attorno a 43.000 anni fa. Recentemente, il sito ha restituito dai livelli abitati dall’Uomo di Neandertal ossa di grandi rapaci con tracce riconducibili all’estrazione delle penne remiganti o di porzioni di ali da destinare ad uso ornamentale.

Il finanziamento della National Geographic Society e di altri enti consentirà di proseguire lo studio dei resti di avifauna e di condurre una campagna di scavo trimestrale con grande visibilità internazionale, assicurata dalla diffusione della notizia ai 9 milioni di affiliati e attraverso le ampie soluzioni mediatiche di cui dispone la Società.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *