ViaggiaResponsabile

Alitalia, nuovo capitolo della storia di un investimento colossale di denaro pubblico.

Vogliamo documentare e fare memoria di come si sta evolvendo dal punto di vista degli investimenti finanziari ed industriali il caso della nuova Alitalia.
Secondo noi esempio paradigmatico di come sono utilizzati i denari pubblici per perseguire con un’idea dello sviluppo e in particolare di quello turistico che brucia quntità enormi di risorse a benificio di pochi .
Riportiamo questo artcolo dal Giornale di settore ” l’ Agenzia diViaggi”

Alitalia: si apre il risiko dei cieli

 di Lino Vuotto

Alitalia, Blue Panorama, Wind Jet, Meridiana fly. Ruota intorno a questi 4 nomi il risiko dei cieli italiani che potrebbe contrassegnare il 2012 già a partire dalla primavera.

Il 26 marzo infatti è prevista l’assemblea dei soci di Az, durante la quale sarà ratificato il passaggio di consegne tra Rocco Sabelli e Andrea Ragnetti nel ruolo di amministratore delegato. Sul tavolo, però, dovrebbe entrare anche la questione dell’integrazione di Blue Panorama e Wind Jet: sull’argomento, dopo l’annuncio di oltre un mese fa, è calato il silenzio e al contempo si sono moltiplicate le speculazioni e i dubbi del mercato. Il piano, comunque, rientrerebbe in quella fase di sviluppo annunciata qualche giorno fa dal presidente Roberto Colaninno, che vuole ampliare il raggio d’azione di matrice low cost sulla penisola e incrementare il segmento leisure.E il nome di Alitalia torna ad essere associato a Meridiana fly, per la quale è in corso l’aumento di capitale da 140 milioni di euro. Il successo che sta riscontrando l’operazione in Borsa ha determinato un aumento del valore del titolo del 40 per cento in due giorni, con un forte interesse dei fondi di investimento. Secondo rumors di mercato i fondi starebbero scommettendo proprio sull’ingresso di Alitalia in Meridiana fly con una quota di maggioranza. Operazione che significherebbe un rafforzamento della presenza sulla Penisola per contrastare l’avanzata di Ryanair ed easyJet, diventando poi più appetibile per essere rilevata da Air France-Klm, che continua a detenere il 25 per cento delle quote.

Sempre che nella partita non rientri Lufthansa, che continua a sottolineare come la chiusura di Lh Italia non sia un addio, ma un arrivederci. La primavera e l’estate, quindi, potrebbero riservare ancora molte sorprese.

Condividi con:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *